PSVITA – Adventure of Mana – Recensione


PSVita, Recensioni, Videogames / martedì, 10 Luglio, 2018

Adventure of Mana è il remaster dell’omonimo gioco della Squaresoft uscito nel lontano 1991, spin-off della più famosa serie Final Fantasy, il cui titolo originale era Seiken Densetsu: Final Fantasy Gaiden!

L’albero della vita
Nella serie di Final Fantasy sono i cristalli a farla da padrone sul destino del mondo, nella serie Mana invece è l’albero della vita, ovvero il Tree of Mana. La trama è molto semplice, c’è il cattivone di turno che vuole sovvertire l’ordine del mondo e quindi cerca di raggiungere questo albero sacro, starà al nostro eroi ed ai compagni che incontrerà lungo la strada sfatare i suoi piani malvagi. Il nostro guerriero potremo plasmarlo con 4 diverse caratteristiche a cui assegneremo un punto ogni volta che saliremo di livello, di fatto rendendolo più forte con gli attacchi fisici o magici, una scelta che influirà il nostro modo di giocare, anche se risulta un po’ squilibrata verso il lato fisico se ci si vuole semplificare la vita.

Azione e Avventura puri
Adventure of Mana rimane un gioco d’azione e avventura nudo e crudo, senza fronzoli. Il mondo di gioco è diviso in riquadri, divisi l’uno dall’altro da un caricamento di un secondo circa, ognuno rimane quindi separato dall’altro non solo a livello di mappa, ma anche di nemici ed oggetti, che dopo un certo lasso di tempo o di nostri spostamenti, ricompariranno in modo casuale. Durante l’avventura avremo a disposizioni varie armi in grado di ferire in modo differente i nemici, con diversi tipi di attacco (la spada corto e frontale, la catena dritto ma con più gittata…) ed alcune anche in grado di intervenire sull’ambiente, come l’ascia che ci permette di tagliare gli alberi e magari scoprire percorsi nascosti, la mazza ferrata che spacca le pietre, e così via… potremo anche acquisire equipaggiamenti difensivi senza altre caratteristiche speciali, e vari oggetti.

Il problema della casualità
Il gioco soffre di vari problemi… ad esempio spostarsi da un riquadro all’altro richiede un caricamento di un secondo e spesso ci capiterà di ricomparire proprio addosso a dei nemici, causando una perdita di vita involontaria… un difetto passabile, ma quello più grave riguarda alcuni puzzle o oggetti da ottenere. In ogni riquadro la comparsa dei nemici e degli oggetti è del tutto casuale, questo porta a grandi perdite di tempo quando ad esempio in una stanza abbiamo bisogno di certi nemici specifici per proseguire, e se non compaiono ci tocca girare a vuoto nelle altre zone della mappa per attendere che in quello specifico riquadro compaiano i nemici che ci servono per proseguire (stesso discorso in caso di oggetti), rendendo inutilmente frustrante e noioso il gioco. Inoltre capire dove recarsi per proseguire l’avventura non è sempre chiaro, e qualche volta non viene davvero dato nessun indizio, costringendo a girare praticamente a caso e con intuito….

Nato per smartphone
Il progetto di questo remake era nato per smartphone e si vede dal comparto grafico, piacevole ma estremamente semplicistico. Per fortuna PSVITA lo gestisce egregiamente, e permette di scegliere tra comandi touch e fisici, permettendo anche un mix di entrambi. Il comparto sonoro è solo sufficiente, non c’è alcun doppiaggio, e gli effetti sonori sono quanto di più basico può esserci. Pur mantenendo questo stile, sarebbe stato carino vedere un po’ di sforzo in più, perlomeno nei personaggi e nelle zone di gioco.

Conclusioni
Adventure of Mana è un’occasione sprecata, forse dalla sua prima natura mobile. A parte il restyle grafico carino, mantiene tutti i difetti dell’originale, oggi ancora più evidenti e fastidiosi, rendendolo un titolo del tutto ignorabile!

Voto:50

+ C’è il Chocobo

+ Si può giocare da maghi o guerrieri

– Troppi elementi casuali per trovare gli oggetti giusti

– Ripetitivo e sfida ai minimi termini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.