PS2 – Silent Hill 2 – Retrocensione

Disponibile per: PS2, PS3, Xbox, Xbox360, PC.

Silent Hill 2 è il seguito dell’horror Konami uscito su PS1, ambientato sempre nella città di Silent Hill ma con una storia del tutto inedita che vedrà James alla ricerca della moglie Mary.

I misteri di Silent Hill
Silent Hill 2 inizia con il protagonista James, che si reca a Silent Hill perchè ha ricevuto una lettera da sua moglie Mary… una lettera piuttosto misteriosa che lo lascia sconvolto, anche perchè sua moglie Mary è morta. Silent Hill è come ce la ricordiamo, una città deserta e nebbiosa, che nasconde inquietanti misteri, e che sembra letteralmente viva quando, come nel primo gioco, cambia forma portando James dalla città “reale” a quella “corrotta” dove girano mostri e pericoli, tra cui il nuovo “Pyramid Head”, un nemico enorme ed invincibile, che sembra avere un collegamento diretto con il protagonista. La storia ha un lato da horror psicologico molto più netto rispetto al primo, e da un certo punto di vista ha uno svolgimento ed una conclusione molto più sottili, che richiedono magari di rigiocarlo per poter apprezzare tutte le sfumature e gli indizi che vengono sparsi per il gioco fino alla rivelazione finale.

Ancora Enigmi e mostri
Silent Hill 2 mantiene quasi identica la struttura di gioco rispetto al primo, con un mix di esplorazione, enigmi e un po’ di azione. Avremo a disposizione alcune armi che troveremo per difenderci, anche se in generale lo scontro è da evitare, gli enigmi risultano ben congeniati e sempre piuttosto coerenti, oltre che logici. L’esplorazione avviene come in precedenza nella nebbiosa città di Silent Hill, accompagnati da una mappa che si aggiorna in automatico e ci segna i vicoli cechi, le porte chiuse a chiave, e tutti i punti di interesse, consentendo un’esplorazione complessa ma anche abbastanza guidata da non risultare troppo frustrante. Rimane praticamente identico anche il menù dell’inventario, con i pregi e difetti che ne derivano (qualche automatismo in più sarebbe gradito)

La potenza della PS2
Silent Hill 2 fa un enorme passo avanti dal punto di vista grafico. Il salto generazionale è evidente soprattutto nella modellazione dei protagonisti, ma anche le splendide (per l’epoca) sezioni in CG che intervallano alcune narrazioni della storia. Il gioco inoltre “sfrutta” la nebbia a suo favore per fare atmosfera e permettersi qualche dettaglio in più, non avendo la necessità di mostrare a schermo ambienti mai troppo ampi. In particolare l’utilizzo della torcia in luoghi bui è l’elemento più interessante, infatti grazie alla potenza di PS2 e l’utilizzo di ombre dinamiche, ora l’effetto al buio della torcia è davvero realistico e crea un’atmosfera senza precedenti. Un appunto va fatto sull’effetto “sgranato” presente, che tra l’altro può essere disattivato una volta completato per la prima volta il gioco. La scelta è del tutto registica, ma il fatto che “sporchi” lo schermo può non piacere a tutti.

Conclusioni
Silent Hill 2 è uno dei migliori horror di sempre, non tanto dal lato gameplay, dove offre buoni enigmi ma sezioni “action” che necessitano ancora di migliorare, ma in particolare per la trama e l’atmosfera.

Voto:95

+ Atmosfera horror ancora migliore grazie alla PS2

+ Storia davvero ben scritta

– Alcuni difetti di gameplay sono rimasti intatti (gestione inventario)

– Effetto “sgranato” può non piacere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.